“Freebacoli” è un progetto realizzato da alcuni ragazzi bacolesi, senza colori politici, che hanno scelto la rete, la via di comunicazione più libera, per fare ricerche, indagini, denunce, per cercare di risollevare un po’ regione e provincia dallo stallo e dalla corruzione in cui sembra stia scivolando l’intero paese: il tutto attraverso un blog.

La notizia più recente arriva da Monte di Procida, il più piccolo dei comuni flegrei, gi  iscritto tra i “Paesi Ricicloni”, per la costanza con cui si attua la raccolta differenziata, da ormai una decina d’anni.

Raccogliendo i primi dati relativi all’istallazione di contenitori per la raccolta di indumenti usati, sembra che nel piccolo comune flegreo le cose funzionino: sono stati installati contenitori di grande capacit  per la raccolta di indumenti, borse e scarpe usati, nei parcheggi pubblici e nel piazzale della casa comunale.

I cittadini hanno utilizzato correttamente i contenitori, senza fare confusione con la raccolta differenziata, n gettandovi altri rifiuti, è stata posta attenzione nella collocazione dei contenitori e nella scelta dei colori che non interferissero ma restassero “in armonia” con gli altri contenitori .

La raccolta è stata grandiosa: circa 2500 kg di indumenti usati tra il mese di maggio e quello di luglio, creando cos una diminuzione nella produzione dei rifiuti nello stesso comune.

Inoltre, in collaborazione con la Onlus “societ  cooperativa ambiente solidale”, sono in atto progetti per coniugare la raccolta con possibilit  occupazionali per le categorie meno abbienti.

A breve sar  inoltre attivata anche la raccolta degli “oli esausti vegetali di provenienza domestica” con la distribuzione gratuita di taniche a quanti vorranno spontaneamente aderire. La raccolta sar  effettuata con periodicit  regolare, a mezzo isola ecologica itinerante.

Tutto ciò fa pensare che è possibile sperare nella sensibilizzazione dei cittadini e in un futuro più “pulito” per la nostra citt .

Nella foto, il cassonetto per la raccolta degli abiti usati

Per saperne di più:
www.freebacoli.blogspot.com