Proseguono gli appuntamenti con la musica del Festival Internazionale di musica antica Soave sia il vento ideato dalla Fondazione Piet  de’Turchini. Tra gli ultimi incontri in programma per il 2014, il concerto dedicato alle sonorit  del jazz napoletano nella splendida cornice della Chiesa di Santa Caterina da Siena. 007 Operazione CiDuSca missione jazzistica nel ‘700 napoletano è il titolo dell’evento curatodall’associazione Wunderkammer venerd 19 dicembre (ore 21.00) si esibiranno Francesco D’Errico al pianoforte e Giulio Martino ai sassofoni. Le musiche ( adattamenti realizzati dallo stesso D’Errico) sono di Domenico Cimarosa, Francesco Durante e Domenico Scarlatti.

Tra le iniziative del festival, da segnalare quella che ha visto protagonista l’Ensemble Dolce & Tempesta con i soprani Francesca Aspromonte e Sonia Tedla Chebreab, Marco Tessitori al violoncello, Giovanni Bellini al liuto, Stefano Domichelli,clavicembalo e direzione, a Palazzo Zevallos Stigliano in via Toledo a Napoli (foto). Concerto per ricordare Jommelli, (Aversa 1714-Napoli 1774), che studiò nel Conservatorio “Poveri di Gesù” in piazza Gerolomini nello stesso in cui fu Cimarosa, Farinelli, Feliciano, Porporino. Gi  nel Cinquecento, Napoli diviene meta di musicisti giunti da ogni parte d’Europa con la speranza di trovare impiego presso la Corte, nobili e chiese. Nel XVI secolo, sorgono numerosi Conservatori, istituti di piet  che accoglievano orfani e ragazzi poveri scelti da nobili mecenati che sostenevano le spese degli studi di musica o canto, latino, italiano, epica e mitologia, solfeggio, composizione polifonica e il modo di vivere in societ .

Ottimi allievi crescono studiando con eccellenti Maestri. Il concerto porta alla ribalta due dei docenti di Jommelli
Leonardo Leo(San Vito degli Schiavoni, oggi S.V. dei Normanni 1694, Napoli 1744) e Nicola Fago(Taranto 1677- Napoli 1745). Di Jommelli “dieci duettini per due soprani e basso continuo”, “sonata in do maggiore a quattro mani” con Tessitori e Domichelli al cembalo, “Sonno amico, dolce calma” duetto per soprani. Da “le 14 toccate di Leo” la n.4 in re maggiore, la n.2 in sol minore, la n.14 in do minore. “Toccata per cembalo in mi minore” e “Questo povero cor” cantata per soprano. Sono canti di amore vissuto con ansia nell’attesa dell’amante, di sospiri, di soavi promesse civettuole e sensuali di donarsi.

L’interpretazione di Francesca e di Sonia, italiana figlia di padre eritreo, è eccellente tanto da immaginare come i sopranisti riuscivano a concupire uomini e donne, nobili e regnanti.
Nel Settecento erano brani scritti per Farinelli, Caffarelli, Gaetano Majorano, Baldassare Ferri, Pacchiarotti che lasciò muta l’orchestra in Artaserse di Metastasio e il direttore fu costretto a scusarsi, mentre il pubblico piangeva per l’emozione, “Guardate siamo tutti in lacrime”.
Farinelli fu chiamato da Elisabetta Farnese, seconda moglie di Filippo V, perch il re soffriva di ipocondria. Cantò dietro le tende per alcuni giorni. La sua voce destò dal torpore il re che gli confer la Croce di Calatrava, onorificenza riservata ai Grandi di Spagna, nominato Primo Ministro occulto. Tornò a Bologna, dopo venticinque anni, ricco di doni. I sopranisti definiti usignoli conquistarono con la voce l’Europa partendo da Napoli. Godevano di privilegi pari a quelli delle donne bellissime vivendo avventure non comuni. Nei salotti gli occhi erano sui loro corpi e cuori di uomini e donne palpitavano per loro.
L’ architettura del salone con copertura a vetri decorati in stile viennese, ampi archi e lesene a doppia altezza, finestre michelangiolesche, balconi catalani, pavimento con decori di marmo rosa di Spagna, grandi tele di pittori del 600, Caravaggio, la musica, il melodioso canto, la bravura professionale del gruppo, la presenza di Consoli, hanno creato una pagina di vita lussuosa di Napoli, capitale di cultura ed eleganza ammirata da insigni visitatori.

La prenotazione è obbligatoria, da inviare con una mail all’indirizzo wunderkammer_teatro@libero.it. Costo 12 euro. A chi acquister  il biglietto sar  rilasciata la tessera socio dell’associazione Wunderkammer.
La prenotazione è obbligatoria inviando una mail
Per l’acquisto dei biglietti dei concerti info e prevendite Concerteria
tel. 081.761.12.21
Per saperne di più
www.festivalmusicaanticanapoli.it