Possiamo definirli angeli con il camice bianco quelli dell’associazione Heart & Lung ready Onlus, nata il 18 febbraio del 2009 e impegnati ogni giorno, sul nostro territorio, per cure mediche a chi ha bisogno. Mettendo a disposizione, a Napoli, la propria professionalit  e un aiuto concreto senza chiedere in cambio denaro e, se possono, garantendo anche quel minimo di attrezzature che aiutano ad affrontare meglio la malattia.
Tre persone che nonostante i loro impegni lavorativi e familiari, con grande spirito di sacrificio, amore e altruismo ma soprattutto con attenzione, tendono una mano a donne e uomini, spesso anziani Enrico Gentile, infermiere di area critica; Giuseppe Fiorentino, medico specialista in pneumologia;Maria Cardone specialista in anestesia e rianimazione oltre che in pneumologia, tutti incardinati presso il P.O. Monaldi.
Sono oltre 200 gli interventi in un anno per pazienti in difficolt  gestionale o in difficolt  economica, per quest’ultimi, mettendo anche farmaci a disposizione presso la sede.
Il servizio offerto (foto), in una societ  che spesso trascura o ignora i bisogni dei malati, va dalle medicazione quotidiane, per evitare che si formino le piaghe da decubito, alla flebo endovena, al controllo della pressione e della frequenza cardiaca, alla cateterizzazione vescicale ecc. ecc., insomma tutti finalizzati a una corretta gestione e controllo terapeutico del paziente o anche per un’assistenza alla gestione di pazienti cronici.

Dalla voce di Enrico Gentile
– che fermamente crede in quello che fa, dividendo le sue giornate tra il Monaldi, i corsi e gli esami della laurea specialistica che frequenta da qualche anno, la famiglia e i pazienti a domicilio- la speranza che in Comune di Napoli possa concedere in affidamento un locale commerciale rientrante nei beni confiscati, come da D. lgs n. 159 del 6/9/2011, che diventerebbe, punto di riferimento concreto per i cittadini.

«L’obiettivo spiega- è quello di aiutare concretamente con gesti e senza troppe parole, chi ha bisogno di un’assistenza;
incontrare persone diverse per condizioni culturali, economiche e familiari per me è un arricchimento e la testimonianza che esiste una Napoli diversa che non si piange addosso».
L’interesse per questa associazione e per le sue attivit  cresce di giorno in giorno attraverso il passa parola, evidenziandone la grande utilit  sociale. Cosa dire a questi angeli dal camice bianco se non un enorme grazie per tutto quello che fanno, alleviando le quotidiane sofferenze delle persone ammalate. Grazie e ancora grazie.

Per saperne di più
www.ilmiodono.it/it/organizzazioni/?id_organizzazione=741

/a>