E’un “Teorema riflesso” quello che propone Stefano Borriello nella personale che s’inaugura oggi alla galleria Serio. Allievo di Emilio Greco e Augusto Perez all’Accademia di Belle arti di Napoli, Stefano Borriello ha alle spalle anche un bagaglio di pittura acquisito all’Istituto d’arte di Napoli dove si è diplomato. Alla grafica è improntata la sua prima esposizione che risale al 1965. Al centro della sua ricerca l’oggetto, ma anche la percezione dell’immagine e l’elaborazione vigorosa del segno.
Scrive Maurizio Vitiello che cura la mostra esposta fino al 25 novembre Il "focus" dell’azione pittorica di Stefano Borriello prende spunto da vene di interesse esplicitate da estroflessioni e da giochi di rimandi speculari.
Un codice linguistico intenso segue segmenti e leggere cromie stabilizzano visioni consistenti.
Squarci di luci e significativi abili spessori alimentano intensi palpiti, equilibri di umori e spacchi di volont , declinati con tratti decisi ed esperti.
In sintesi agganciati a determinati gesti precisi aprono un calibrato ventaglio di motivi e di strutture visive.
Reticoli di segmenti, che vibrano tra torsioni dinamiche ed educate sovrapposizioni, dichiarano propositi e investigazioni e riassumono libere fughe in avanti per nuovi itinerari pittorici, sostanziati da suggestioni simboliste su cadenze di visioni metafisiche, che accettano ombre danzanti e presenze architettoniche cangianti.
Spessori, tocchi cromatici e precisazioni strutturali motivano stimolanti redazioni plastico-pittoriche, che sostanziano e snodano sequenze e inquadrature di un universo raccolto da risposte di uno specchio intimo, ma che guarda anche al mondo.”
Lo spettatore entra in un universo artistico monocromatico in cui si fondono simbolismo e realt .

Mostra “Teorema Riflesso”, con opere recenti di Stefano Borriello
a cura di Maurizio Vitiello
Galleria d’Arte “Salvatore Serio”
Via Oberdan, 8 (angolo Piazza Carit ) 80134 – Napoli
Tel./Fax 081 5523193 – www.galleriaserio.it Orario 10.00-13.00/17.00-20.00
Disponibile catalogo

In foto, un’opera di Borriello