Al Grenoble di Napoli (in via Crispi) l’inizio del mese di aprile è tutto incentrato sul grande connubio tra cinema e teatro. Oggi, luned 4 aprile(ore 19), ci sar  la proiezione e la presentazione da parte degli autori del film francese "Les femmes, le ville, la folie" della regista Elisie Vigier.

Un primo appuntamento molto importante, poichè anticipa quello che sar  il programma che l’istituto francese di Napoli Il Grenoble mette in scena per onorare il grande legame sempre avuto tra il cinema e il teatro. L’intero programma è parte del progetto Face   Face parole di Francia per scene d’Italia V edizione 2011.

Il film della regista Vigier, in realt , è un progetto nato per accompagnare la piee teatrale "Luisa è pazza", la cui rappresentazione è prevista dal 7 al 10 aprile al teatro Ferdinando di Napoli.

"Les femmes, la ville, la follie, traccia un ritratto vero e completo di varie donne della Parigi di oggi. Donne immerse nel loro quotidiano, donne che trascorrono la loro vita in quartieri diversi, donna che colloquiando con le persone che incontrano durante il loro quotidiano pongono interrogativi sul mondo e su vivere quotidiano. Proprio da queste domande e riflessioni che la regista è riuscita a finalizzare un racconto divertente ma allo stesso tempo serio.

Grande attesa, quindi, anche per la rappresentazione dello spettacolo inedito “Luisa è pazza”, di cui è possibile incontrare, venerd 8 aprile (ore 12) al teatro Mercadante di Napoli, l’intera compagnia dello spettacolo, tra cui Leslie Kaplan, autore del testo e l’attrice Frdrique Loliè. “Luisa è pazza” è diretto e interpretato dalla stessa Lolie insieme a Elise Vigier.

Due donne in scena si incolpano, fanno reciprocamente da scaricabarile, cercano di precisare le loro accuse, utilizzano una terza, Luisa, assente, come un modo per disegnare quello che in ogni caso non vogliono essere. C’è dell’aggressivit  nell’atmosfera, è uno stato del mondo, ed è la posizione dell’una rispetto all’altra, e di ciascuna rispetto al mondo. E Dio, lassù, è interpellato più di una volta, non come una soluzione, ma come interlocutore. Frdrique Lolie e Elise Vigier fanno della trasposizione delle parole in spettacolo una vera ricerca, una creazione continua. Lo spettacolo è cucito su di loro, sulla loro presenza scenica e sul loro modo di mostrare e inventare l’universo di questo testo.

In foto, la locandina dell’evento