Ė al nastro di partenza la quindicesima edizione del Maggio della Musica che anche quest’anno dal 5 maggio al 27 novembre, in un periodo in cui le centrali sonore si assottigliano non solo nel numero, ma anche nella qualit  dell’offerta.
Appare meritevole assai lo sforzo compiuto dal management della ormai storica istituzione musicale napoletana. Proprio in questi giorni il corriere cultura denuncia che su cento citt  Napoli è al 98 posto per ricavi del settore del teatro d’opera.
In altre parti d’Europa la musica operistica è targata Italia al 68% una bella lezione per gli italiani; forse anche per i tecnici che non hanno ancora compreso che sviluppo e cultura si declinano insieme alle nostre latitudini.
Veniamo al cartellone si inaugura sabato 5 maggio con il Quartetto della Scala a Villa Pignatelli; con la partecipazione di Michele Campanella, che è anche direttore artistico del cartellone.
Il 10 maggio tocca a Laura De Fusco, al violinista Gabriele Pieranunzi e al violoncellista Shana Downes. Ancora tre gli appuntamenti del mese di maggio il 17 maggio ascolteremo la violinista Sonig Tckakerian e la pianista Stefania Radaelli; il 23 la pianista Monica Leone e il 31 il Quartetto Auryn.
Quattro gli appuntamenti di giugno Peppe Servillo (8 giugno) con un programma di canzoni napoletane; il pianista Filippo Gamba (14 giugno), il duo Anthony e Joseph Paratore (21 giugno) e Boris Belkin (28 giugno) alle prese con Mozart, Schubert e Franck. Dopo la pausa estiva ci attendono altre cinque date 7 ottobre (Quartetto Savinio) 14 ottobre Sestetto Stradivari, 21 ottobre (Fabrizio Soprano con Emilio De Rosa) 30 ottobre (Ensemble Corde Oblique). Si chiude il 27 novembre con la chitarra di Giovanni Dell’Aversana.

In foto, Michele Campanella