La guerra di Dario. Vivere e morire a Napoli. E’ il libro che Paolo Miggiano presenta  domani, giovedì 18 luglio, alle 18 nella sede della Fondazione Premio Napoli, al primo piano di Palazzo Reale, in piazza del Plebiscito.

Qui sopra, la copertina del libro. In alto, l'autore
Qui sopra, la copertina del libro. In alto, l’autore

Introduce l’incontro con l’autore, Domenico Ciruzzi, presidente della Fondazione Premio Napoli. Modera, il giornalista Rai Guido Pocobelli Ragosta. Interverranno:  Vincenza Alfano che firma la prefazione e don Tonino Palmese, presidente della Fondazione Pol.i.s. Le letture saranno a cura dell’attore Alessandro Incerto.
“La guerra di Dario” (Tralerighe Libri) racconta storie di vittime innocenti della criminalità e del dovere. Dei troppo dimenticati con vicende che non appassionano. E questo testo è un’occasione per accendere l’attenzione su di loro, i più deboli della nostra società che schiaccia le vite semplici.
L’autore nasce a Minervino di Lecce, ma vive a Caserta. Giornalista pubblicista, laureato in Scienze dell’Investigazione, con un master in Criminologia e uno in Valorizzazione e Gestione dei beni confiscati alle mafie.
E’ stato elicotterista della Polizia di Stato, nonché responsabile dei progetti editoriali della Fondazione Pol.i.s., con cui collabora ancora, fa parte della direzione nazionale di Cittadinanzattiva Onlus e degli Organismi di rappresentanza dei lavoratori della Polizia di Stato.
Dirige la collana “Linea di difesa” della casa editrice Di Girolamo Edizioni. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, su proposta del presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte, con decreto del 2 giugno 2018, gli ha conferito l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica italiana.