La sartoria meridionale sprizza energia da tutti i tessuti.  Lo ha confermato  Moda all’ombra del Vesuvio il concorso sartoriale per allievi e diplomati di Scuole e Accademie che da diciassette edizioni assegna il Premio Giovani talenti della moda (foto).
La  kermesse è stata presentata da Paola Mercurio e Gianni De Somma al MAV-Museo Archeologico Virtuale di Ercolano. Un appuntamento ormai tradizionale, ideato da Annabella Esposito presidente dell’associazione Piazza di Spagna e grande animatrice di una gara che da anni offre a stilisti emergenti, una vetrina prestigiosa e opportunità concrete: «Un evento- sottolinea-  che va avanti perché è sentito come proprio da tutti quelli vi ruotano intorno» .
Due le categorie della rassegna: migliore scuola, vinta dal Liceo Carlo Levi di Portici che si è aggiudicato la Maison Valentino e giovani talenti della moda. Tra i senior si è affermata Claudia D’Andrea, 28 anni romana, laureanda in Scienze della moda e del costume all’Università La Sapienza: ha vinto uno stage all’atelier Ferdinand di Ferdinando Borrelli che accoglierà anche Ramona D’Anna dell’Accademia Moda e Design di Maria Mauro vincitrice della sezione juniores.
In quest’ultima categoria sono stati premiati anche Gianluca Zumbolo del liceo Boccioni-Palizzi di Napoli e Giulia Simonetti dell’ISIS Caravaggio di San Gennaro Vesuviano (stage all’atelier delle sorelle Duraccio) istituto nel quale spicca anche Domenico Iovino (stage alla Pinù Couture) e ancora Carla Autino della Double Dea di Marano e Rosa Esposito della Scuola Bassolino di Casoria (stage alla Magia del Cucito di Pina Muti), Paola Rossella Pica del Liceo Munari di Acerra e Marianna Sorrentino del Liceo Nifo di Sessa Aurunca (stage all’atelier di Vincenzo Casapulla) e Francesca Pia Affinito del liceo di San Leucio di Caserta (stage dallo stilista Alessio Visone).
Riconoscimento straordinario per Loredana Palomba, truccatrice e vice presidente dell’associazione Piazza di Spagna.
Partner organizzativo consolidato della manifestazione è la Confartigianato Imprese Napoli, ideatrice del premio “Ulisse per Arte e Ingegno”, voluto dal presidente Enrico Inferrera per gli imprenditori impegnati a favore del territorio. Lo hanno ottenuto Stefania Lambiase artista e cofondatrice di Bella Brì, Salvatore Rullo proprietario della Dasir Tech di Casoria, Ciro Veneruso della concessionaria AutoUno e Mauro Limongi referente nazionale dell’Osservatorio per l’Economia del Mare. A Francesco Simone, presidente nazionale di Artigiancassa, ricevuto una scultura dei Fratelli Scuotto della Scarabattola.
 La rassegna ha il patrocinio istituzionale di Regione Campania, Camera di Commercio di Napoli e Comune di Ercolano e del sostegno di Artigiancassa BNP Paribas, Centrale Garanzia Fidi, Webidoo società di comunicazione digitale, Erima Flying agenzia di viaggi e maison Bella Brì.

 

 

 

 

RISPONDI