ScarlattinJazz per il festival  UniMusic.
Domenica 21 luglio, alle 20,30 nel cortile del Maschio Angioino (foto, il biglietto costa 10 euro). La manifestazione è organizzata dalla Nuova Orchestra Scarlatti in partnership con l’Università Federico II e con l’assessorato alla cultura e al turismo del Comune di Napoli.
Il concerto propone un percorso di divagazioni orchestrali, da Alessandro Scarlatti a Duke Ellington passando per Händel, Domenico Scarlatti, Beethoven, Bernstein e tanti altri, prevede originali rielaborazioni, fusioni, rifacimenti attraverso 300 anni di musica e più.
Autore di questo suggestivo gioco tra interpretazione e improvvisazione è  Bruno Persico, musicista partenopeo (pianista, compositore, didatta, direttore), da sempre alla ricerca di una sua personale sintesi tra forme classiche e creatività jazz.
Persico guiderà, da pianista e direttore, un gruppo di solisti che dialogheranno e si fonderanno di brano in brano con la Nuova Orchestra Scarlatti. E il gioco musicale coinvolgerà attivamente tutte le voci dell’orchestra in inedite variazioni sinfoniche.
E così il pubblico potrà scoprire come una Sarabanda di Händel si possa trasformare in una raffinata meditazione cool e come un incredibile swing possa scatenarsi dall’Arietta della Sonata op. 111 di Beethoven. Potrà ritrovare le emozioni sempre  vitali di West Side Story, un Romeo e Giulietta  calato negli slums della New York anni ’50, tenera e violenta, capolavoro di quel genio onnivoro della musica del ‘900 che è stato Leonard Bernstein.
Per saperne di più
https://www.unimusic.it/