Madre da scoprire. Sguardo sul contemporaneo, ma anche rivolto al passato. Passeggiando tra le sale del museo di via Settembrini 79 a Napoli. Dalla grande retrospettiva dedicata a Robert Mapplethorpe, uno dei più grandi fotografi del XX secolo alla mostra Pompei@Madre. Materia Archeologica: Le Collezioni (che chiude lunedì 7 gennaiofino alla Befana dei bambini sotto il segno della creatività.
Primo weekend del 2019. Sabato 5 gennaio, alle 11, percorso guidato tra i reperti e i manufatti provenienti dal Parco archeologico di Pompei che dialogano con le opere della collezione site-specific del Madre. Ma non solo. La relazione tra antichità e contemporaneo raccontata attraverso le possibili influenze sulla fotografia di Robert Mapplethorpe, a cui è dedicata  Coreografia per una mostra.
Domenica 6 gennaio, ancora  due appuntamenti. Con ingresso gratuito.  Alle 10.30, visita per non vedenti e ipovedenti. Un itinerario tattile durante il quale i partecipanti, muniti di guanti, saranno invitati a toccare alcuni dei capolavori del museo Madre, per conoscerli attraverso la loro essenza materica e la loro presenza nello spazio.
Alle 12,  esplorazione della struttura per i per non udenti. Un operatore specializzato nella lingua dei segni LIS italiana condurrà il pubblico tra le opere di  Robert Mapplethorpe e la Coreografia per una mostra (foto).
Alle 16laboratorio per i piccoli tra i 6 e i 12 anni. Un capolavoro nella calza: un modo per far partecipare ad un gioco a tema. Dopo la visita alla collezione del museo, verranno distribuite delle piccole calze contenenti materiali che richiamano alcune delle opere esposte. I bambini si divertiranno a trasformarle, attraverso il disegno, nei loro piccoli capolavori. Il laboratorio sensoriale è liberamente ispirato alla ricerca di Bruno Munari, di cui la Fondazione Plart ospita la mostra I colori della luce, prodotta dalla Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee nell’ambito di Progetto XXI.
Per saperne di più
Museo Madre
Via Settembrini 79, 80139 Napoli
+39.081.197.37.254
www.madrenapoli.it