Tutti insieme. Due parole fondamentali, perché il treno su cui la meravigliosa isola di Procida (foto) è appena salita non deragli nel vuoto dei sogni perduti. Adesso che il conto alla rovescia è terminato, sappiamo che sarà Capitale italiana della Cultura 2022.
È arrivato il momento della chiamata alla responsabilità collettiva, un invito lanciato già qualche giorno fa, prima dell’annuncio di oggi, da Mimmo Barra, componente dell’Agenzia regionale per il Turismo.
«Collaborare insieme- ha sottolineato- sostenere la futura Capitale italiana della cultura, significa essere una comunità innamorata dei luoghi più antichi, affascinanti e carichi di storia del mondo. Significa sapere intercettare il futuro. Significa investire nelle idee. Significa diventare portatori di un duplice messaggio: smuovere il terreno della pigrizia per arricchirlo di esempi, di stimoli, di passioni e d’idee e far fruttare il futuro del Golfo e della Campania. Si tratta di restare uniti, corali. Si tratta di combinare le forze imprenditoriali e produttive, l’Università, i comitati scientifici e le associazioni, i procidani, gli ischitani, i capresi, i campani. Tutti insieme».
Gli fa eco, adesso, dopo la proclamazione ufficiale, il presidente della Camera di Commercio di Napoli, Ciro Fiola: «La scelta di Procida capitale italiana della Cultura 2022 rappresenta un’occasione importante per il rilancio del turismo e delle imprese della provincia di Napoli. Il sistema economico si gioverà della ricaduta che avranno le iniziative da mettere in campo, alle quali la Camera di Commercio non farà mancare la propria attenzione. Ora bisogna mettere in piedi un meccanismo attrattivo e virtuoso che possa essere all’altezza della situazione».
Dalla sua bacheca di facebook rassicura tutti sulla progettualità il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca: «Esprimiamo la nostra gioia e la grande soddisfazione per la scelta di Procida come Capitale italiana della Cultura 2022. L’isola di Procida è uno dei luoghi più suggestivi e caratteristici della Campania per le bellezze ambientali, per la sua storia e le sue storie, per i suoi borghi e le sue spiagge. È un luogo assolutamente affascinante che sottolinea le molte bellezze della nostra terra.Ha vinto un progetto bellissimo, di valorizzazione dell’isola e della Campania, a cui Regione e Comune hanno creduto. È un’occasione straordinaria di proiezione della nostra Regione sul piano internazionale sulla scia del grande successo delle Universiadi 2019. Presenteremo nei prossimi giorni i contenuti del progetto».

.

RISPONDI