Passatempo (al Sud). E’ la sezione del sito Regione Campania creata per far conoscere le attività che bambini e ragazzi dagli 8 ai 15 anni possono fare a casa, da soli o con i genitori, durante questo periodo di emergenza legata al Coronovirus Covid19. Un’idea di Raffaella Leveque sviluppata in collaborazione con Gabriele Dandolo, Caterina Piscitelli e Stefania Milano. La sezione verrà aggiornata il lunedì, il mercoledì e il venerdì.
Il progetto nasce per aiutare le famiglie, ii ragazzi ma anche  i genitori e i nonni, a individuare il modo di impegnare le giornate, in sostituzione alle normali attività ricoperte dalla scuola, dallo sport, dalle visite guidate e dalle gite con altre cose che si possono fare in questa dimensione di isolamento.
Diviso per categorie (MUSEI E PARCHI – MUSICA – TEATRO – DANZA – FUMETTI – SCIENZA – DIDATTICA E LIBRI), Passatempo al Sud propone tante iniziative: dallo yoga per bambini alle visite virtuali nei  musei, dai tutorial con gli animali domestici a quelli di cucina facile. E poi letture, poesie, tanto teatro, movimento creativo, cinema e danza per ragazzi, lezioni di scienze e piccoli esperimenti, ma anche barzellette e indovinelli, consigli per disegnare, corsi per fumetti, videogiochi gratuiti da scaricare, film e libri.
Tra le curiosità per i ragazzi più grandi la piattaforma gratuita messa a disposizione fino al 30 aprile dalle Arti Grafiche Boccia per realizzare il proprio giornale  (www.iltuogiornale.it ).
Online anche alcuni progetti di formazione, come “Canta,suona e cammina” curato dalla Scabec, che sta continuando a far esercitare i circa 300 ragazzi delle bande musicali delle parrocchie attraverso sezioni su  facebook con i maestri e i tutor e che si esibiranno tutti insieme alla fine dell’emergenza del coronavirus, con un grande concerto in diretta web.
Vi partecipano scuole, associazioni, fondazioni e società regionali, compagnie teatrali, musei, case di produzione, realtà sportive, laboratori artistici, numerose istituzioni e privati che stanno riconvertendo i loro progetti dalle forme tradizionali, a forme di contatto e divulgazione attraverso la rete e i social, soprattutto quelli seguiti dai più piccoli e dai giovanissimi. Un enorme database di operatori e di realtà che anche dopo l’emergenza potrà diventare una piattaforma dedicata alla creatività per i più piccoli.
Aggiunge Leveque: «Una rete che può essere trasformata in un festival o in una grande convention, una vera e propria esplosione di creatività  quando finalmente torneremo tutti di nuovo a vivere insieme, in collettività».
Vuoi inviare suggerimenti e segnalazioni? Potrai farlo, scrivendo i tuoi messaggi alla passatempoalsud@gmail.com.
In foto, la lettura con la nonna: un classico esempio di come passare il tempo per i più piccoli

 

 

 

RISPONDI