Il museo archeologico archeologico di Napoli tutto da ascoltare. Partirà lunedì 3 giugno (alle 18.30) la trasmissione Senti che opera, che F2 Radio Lab, emittente ufficiale dell’Università Federico II in viaggio al Mann.
 Tre programmazioni settimanali (lunedì per la prima puntata, mercoledì e venerdì per le repliche, sempre alle 18.30) per l’ascolto di opere d’arte dell’antichità, lasciandosi guidare dalle voci degli esperti, dei visitatori e dalla narrazione di ciascun reperto che, tra mito e realtà, decide di rappresentare se stesso e la propria bellezza.
Protagonisti saranno gli studenti dell’ateneo, armati di microfoni, cuffie e registratori:  nella prima puntata incontreranno il direttore Paolo Giulierini che  parlerà di una politica culturale sempre più a misura delle nuove generazioni.
Poi l’itinerario delle seguenti tappe proseguirà tra la programmazione culturale  dell’Archeologico (“Cosa succede al Mann”) e le collezioni museali: spazio, naturalmente, alle esposizioni in programma ( “Canova e l’antico” e “Corto Maltese. Un viaggio straordinario”) con una sosta curiosa nella sala del plastico per osservare i lavori dello street artist Blub.
Poi ci si confronterà con la collezione egizia, la collezione Farnese, i mosaici e il gabinetto segreto, il tempio di Iside. E tutto sarà accompagnato da variegate pause musicali. Un’occasione per tuffarsi nella bellezza anche senza muoversi da casa.
Per seguire il programma
http://www.radiof2.unina.it

In foto, F2 RadioLab con Francesco Longobardi/ Andrea Zippa (laureati in “Lettere classiche” e specializzandi in “Filologia, letture e civiltà del mondo antico”)