Due amici per sempre. Paolo Raffone e il mascalzone latino. A lui sarà dedicato ol progetto Pino Daniele Opera, venerdì 24 maggio alle 20.30 nel complesso monumentale di San Lorenzo Maggiore (Napoli). Dodici dei suoi brani saranno riproposti in chiave cameristica.
L’idea nasce da una storia di profonda amicizia tra l’indimenticabile cantautore e Raffone, ma soprattutto dalla loro collaborazione sviluppatasi dalla formazione musicale di Pino fino alla pubblicazione dei primi dischi che lo portarono all’attenzione del pubblico e al grande successo. Alcuni di quei brani, era il 1985, arrangiati da Raffone insieme a Pino (foto) con una orchestrazione classica, furono sperimentati in un tour nei maggiori teatri italiani i cui Pino era accompagnato, da una vera orchestra con archi e fiati.
Il concerto (con un organico cameristico di 12 elementi diretto da Raffone) avrà come protagonista l’emergente Michele Simonelli, con la sua voce splendida. E non è un caso.  Nel 2014 Simonelli e Raffone incisero piano e voce il brano “Che ore so”, Pino l’ascoltò e gli piacque moltissimo, al punto da mostrare un certo interesse al progetto iniziato proprio da lui e Raffone nel lontano 1985. Si ripromisero di lavorarci, cooptando Michele Simonelli, ma per altri impegni tutto fu rinviato.
Con Raffone e Simonelli ci saranno  Rosario Jermano, Ernesto Vitolo, Antonio Onorato, Roberto Giangrande, Valentina Crimaldi, Donatella Brighel (che già hanno collaborato al tour del 1985) e alcuni musicisti giovani musicisti napoletani di grande talento.
Il ricavato della serata sosterrà l’iniziativa  “Uno strumento per te” dell’associazione culturale Record M.E.: un’opportunità per i musicisti economicamente disagiati che potranno coltivare la propria passione per la musica grazie all’acquisto di strumenti musicali.
Per saperne di più
081.011.81.22