C’è tempo fino al 26 febbraio per presentare la domanda di ammissione al Master di II livello in drammaturgia e cinematografia, coordinato da Pasquale Sabbatino per il dipartimento di Studi umanistici dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.
Il corso dura 1 anno e prevede una didattica mista: on line in modalità sincrona, ma reperibili on demand sul canale youtube del Master, e attività laboratoriali in presenza e a distanza. Per permettere agli specializzandi fuori sede di seguire la lezione online insieme agli studenti accolti in aula.
Il master si collega alla ricca e poliedrica tradizione teatrale e cinematografica di Napoli.
Tra le novità di quest’anno il seminario permanente intitolato Dialoghi su teatro e cinema. Dopo il successo recente con ospiti gli attori Arturo Muselli e Adriano Pantaleo, il seminario sarà occasione per gli specializzandi di discutere le loro ricerche in corso su questioni teatrali e cinematografiche.
Una specie di laboratorio a confronto con docenti, attori e registi. In questa nuova edizione, inoltre, gli specializzandi allestiranno una propria rassegna cinematografica, coordinata da Anna Masecchia e Francesco de Cristofaro. In forme di Napoli: oro e polvere nel cinema partenopeo (1979-2019): questo il titolo dell’iniziativa che si soffermerà sulle immagini della città nella cinematografia del secondo Novecento.
Il Master ha sempre offerto agli iscritti l’opportunità di sperimentare sul campo le conoscenze acquisite. Gli specializzandi, infatti, come critici teatrali, collaborano già da tempo con Napoli Teatro Festival Italia, pubblicando un “diario di bordo critico” ospitato sul sito ufficiale della kermesse.
Inoltre, i partecipanti, si sono misurati anche con la realizzazione di testi teatrali e documentari. I testi (“Un minuto di silenzio”, “Vite imperfette”, “Pagine nere”, “Passaggi obbligati”, “Ognuno nemico dell’altro”, “L’amore molesto”, “Vite deragliate” e “Macimbù”) prodotti finora dai corsisti nei laboratori di drammaturgia e scrittura creativa, guidati nel corso degli anni da Manlio Santanelli, Fortunato Calvino e Vincenzo Caputo, hanno riscosso successo in palcoscenico o sono stati insigniti di premi o sono stati pubblicati tra le Nuove Proposte di Drammaturgia.
Il titolo di studio del Master dà diritto al punteggio previsto dal Miur per l?aggiornamento delle graduatorie della scuola.
Per saperne di più
vincenzo.caputo@unina.it
annalisa.castellitti@unina.it

Foto di Christos Giakkas da Pixabay 


.

RISPONDI