Per oltre venticinque anni gli austriaci hanno dominato Napoli, dal 1707 al 1734. Ma sotto il Vesuvio sono tornati grazie al matrimonio di Ferdinando IV con Maria Carolina. Poi con Maria Sofia, consorte dell’ultimo Borbone, sorella della mitica imperatrice Sissi, inquieta consorte dei Franz Joseph. Insomma, l’aria della Hofburg circolava un po’ dovunque sotto il cielo di Partenope. E quella atmosfera di corte viene riproposta gioved 12 maggio, alle 21, al Maschio Angioino con l’evento "Da Vienna a Napoli, la musica e i balli delle Corti Reali" un evento che racconta le sonorit , i colori, lo sfarzo del mondo dei sovrani.
Gli antichi splendori reali, la sua musica e le danze in costume d’epoca, per una sera rivivono in un affascinante viaggio nel passato, inserito uno scenario d’eccezione come Castel Nuovo. Protagonista musicale della serata sar  l’Orchestra Giovanile del Conservatorio Cimarosa di Avellino, che propone un viaggio musicale tra valzer, polke e altre composizioni settecentesche. Immancabile un omaggio al compositore Giovanni Paisiello, a duecento anni dalla sua scomparsa, autore dell’Inno al Re commissionato da Ferdinando I di Borbone e diventato inno nazionale del Regno delle Due Sicilie.
Accanto alla musica anche la danza sar  un’occasione per lasciarsi trasportare nello sfarzo dell’epoca. Viene infatti riproposto un gran ballo, ricostruito filologicamente, con coreografie originali e ballerini in costumi d’epoca, dalla societ  di danza Napoli – Scuola di Danza Ottocentesca.

L’iniziativa è inserito nel Maggio dei Monumenti, che il comune di Napoli ha dedicato alla celebrazione della figura di Carlo di Borbone, nel tricentenario della nascita.
Ideato e curato da Abbac Aigo Confesercenti, l’associazione che rappresenta i gestori di bed and breakfast e dimore della Campania.

Il biglietto costa 10 euro ed è possibile acquistarlo anche mezz’ora prima dell’evento
Per saperne di più
Abbac Aigo Confesercenti, via Toledo 148 – Napoli
tel 0815635192
abbac.consulenze@gmail.com

Nella foto, il gran ballo a corte