Napoli è sensibile al cinema outsider. E’ il caso “Indipendent Film Show”, rassegna cinematografica che la citt  sa apprezzare con particolare entusiasmo. Forse, proprio per questi motivi, si è deciso di portare a Napoli il “Kino Kabaret”, festival internazionale di uno spessore artistico senza precedenti. La manifestazione, che si terr  dall’11 al 18 giugno(quartier generale l’asilo Filangieri
in Vico Giuseppe Maffei una traversao di San Gregiorio Armeno, la strada dei presepi)
presenta una formula particolare e consiste nell’esecuzione e successiva proiezione di svariati cortometraggi girati nel Paese ospitante. In altri termini, un Kino Kabaret è un evento, in genere di una settimana, in cui film maker da tutto il mondo (attori, registi, direttori della fotografia, sound designer) si incontrano e girano cortometraggi in tempi brevi, di solito in round (sessions) di 48/72 ore.
All’inizio di ogni round, chiunque voglia realizzare un cortometraggio lo presenta al gruppo descrivendone il soggetto e indicando cast artistico/tecnico e le attrezzature di cui ha bisogno. Al termine della riunione di produzione, si formano spontaneamente delle mini-troupe che iniziano a girare i loro corti. I film vengono poi montati e proiettati pubblicamente in un cinema o locale al termine di ogni session.
Il Kino nasce a Montreal nel 1999, quando 15 film maker decidono di non voler aspettare di avere finanziamenti per girare il loro prossimo film, ma ne gireranno uno al mese per un anno e immediatamente si diffonde in tutto il globo, vivendo della passione e della creativit  propri di chi fa cinema indipendente. I vincoli di budget, di risorse e di tempo, infatti, non sono visti come ostacoli, ma come stimolo alla creativit , alla cooperazione e alla sperimentazione.
Partecipare a un Kino Kabaret vuol dire anche vivere la citt  che lo ospita in maniera diversa i partecipanti non si sentono turisti, hanno un obiettivo preciso e la citt  li aiuta a perseguirlo stimolandoli continuamente con la sua atmosfera, la sua energia. Si può dire che lo scambio avviene in tempo reale poich i registi restituiscono le loro opere in tempi brevissimi.
Dal momento che regola non scritta del Kino Kabaret è l’ospitalit , l’organizzazione assicurer  alloggio e vitto ai partecipanti, i quali saranno, pertanto, catapultati nella realt  gastronomica partenopea che, com’è ovvio che sia, influenzer  gli artisti nella creazione dei corti. Kino Napoli 2015 è organizzato in 4 session produttive. In ognuna verranno girati tra i 10 e i 16 cortometraggi. Alla fine, ci sar  una proiezione pubblica in un locale o in un cinema della citt , mentre, marted 16 giugno, il multicinema Modernissimo ospiter  una proiezione gratuita aperta al pubblico.

Per saperne di più


www.exasilofilangieri.it/kino-napoli-201

www.facebook.com/KinoNapoli?fref=ts

vimeo.com/128017195

Nelle foto, una scena di Godzilla e un’immagine della campagna che invita a ospitare i partecipanti stranieri