Buon compleanno, Capodimonte. Domani, martedì 5 maggio, il museo, celebra il 63esimo anniversario dell’inaugurazione del Museo e delle Gallerie nazionali di Capodimonte che avvenne nel 1957 con il taglio del nastro del soprintendente Bruno Molajoli alla presenza del presidente della Repubblica Giovanni Gronchi.
A ripercorrere le tappe principali, sul sito web di Capodimonte un testo di approfondimento dell’architetto Rosa Romano con foto e documenti d’epoca della Fondazione De Felice, dell’Archivio Carbone e dell’Archivio Fotografico della Campania, nonché il video inaugurale dell’Istituto Luce.
Il nuovo museo di Molajoli concentrava a Capodimonte tre musei in uno e poneva i visitatori al centro di questa offerta. L’idea era di creare, come Molajoli stesso riferisce un grande istituto in cui il pubblico possa trovare un filo conduttore, una scelta, una varietà di interessi culturali, uno stimolo estetico, senza tuttavia rimanere oppresso o intimidito. Esattamente 100 sale oggi costituiscono lo sviluppo complessivo di queste raccolte a disposizione del pubblico.

 


Il nuovo Museo di Molajoli concentrava a Capodimonte tre musei in uno e poneva i visitatori al centro di questa offerta. L’idea era di creare, come Molajoli stesso riferisce “un grande istituto in cui il pubblico possa trovare un filo conduttore, una scelta, una varietà di interessi culturali, uno stimolo estetico, senza tuttavia rimanere oppresso o intimidito.
La maggior parte degli interventi realizzati per la grande riapertura post seconda guerra mondiale trovano la loro ragion d’essere nell’immagine precisa che per Molajoli doveva avere Capodimonte: immagine ben riassunta dallo slogan “tre musei in uno” usato dalla stampa dell’epoca per annunciare l’avvenimento .
Inoltre lunedì 18 maggio riaprirà al pubblico il Real Bosco di Capodimonte, mentre sarà possibile visitare il Museo a partire da martedì 2 giugno. La direzione sta lavorando per la sicurezza di tutti in vista della riapertura di questo grande luogo di cultura ma chiede a ogni visitatore di tenere comportamenti responsabili e di osservare scrupolosamente le regole sanitarie di contenimento del contagio da Covid-19 (divieto di assembramenti, distanziamento sanitario, uso della mascherina).
A integrazione del regolamento vigente sarà obbligatorio: indossare la mascherina; rispettare il distanziamento sanitario. E sarà vietato: provocare assembramenti, praticare attività sportiva di squadra, organizzare picnic.
Nel frattempo, prosegue online ininterrottamente da due mesi la rubrica quotidiana “L’Italia chiamò. Capodimonte oggi racconta”, con contributi di storici dell’arte e restauratori interni ma anche di studiosi esterni.
Per saperne di più
www.archiviofotograficocarbone.it

 

Nelle foto, in alto, il museo oggi in versione notturna. Al centro, 3 foto dell’archivio Carbone  che  immortalano il giorno dell’inaugurazione nel 1957

RISPONDI