Tra social e fake news un nuovo modello di comunicazione. Scienziati e accademici sono riuniti a Napoli nel complesso di San Domenico Maggiore per la prima edizione  del convegno “Between science & society” per elaborare schemi alternativi a quelli correnti nel trasmettere corrette informazioni. I lavori si concluderanno oggi pomeriggio.
L’obiettivo dell’iniziativa promossa dall’Italian Institute for the Future, con il patrocinio della Città Metropolitana di Napoli, il  Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli Studi di Napoli Federico II,INAF- Osservatorio di Capodimonte, INGV, AIRIcerca, Associazione Donne e Scienza, Appost e il contributo di Graded e CICAP è quello di coinvolgere i cittadini nelle grandi sfide e trasformazioni che ci aspettano nei prossimi anni. E di cui i giovani sono sempre  più consapevoli: lo dimostrano le manufestazioni sempre  più imponenti per richiamare l’attenzione del mondo  sull’urgenza di una politica ecostenibile.
Spiega Roberto Paura, presidente dell’ItalianInstitute for the Future:  «Prima con l’osservatorio sulle frontiere scientifiche e tecnologie, successivamente con altri progetti specifici, ci siamo occupati dell’impatto sociale del progresso tecnoscientifico, a cui abbiamo dedicato in passato un numero della nostra rivista Futuri. Ci è sembrato naturale avviare pertanto un percorso con  una prima, importante tappa a Napoli per riunire i tanti studiosi e professionisti che in Italia si occupano di dialogo scienza-società ».
Una riflessione importante anche sull’utilizzazione del linguaggio sempre più alla deriva a opera di una tifoseria del web  che  spesso si esprime s enza avere conoscenze specifiche, con la smania del protagonismo a tutti i costi.
Per saperne di più
https://www.facebook.com/BetweenScienceandSociety/