Diego Armando Maradona proiettato sul tufo del Castel dell’Ovo. icona napoletana che contempla il mare, all’ombra del vulcano. Oggi pomeriggio (venerdì 18 dicembre, dalle 18 per un’ora), potrete vedere il ritratto del pibe de oro sulle mura esterne della fortezza.
E’ il progetto fotografico ideato da Mario Spada e Fabrizio Borbone, con la collaborazione di CFI Centro di Fotografia Indipendente, Asilo Filangieri e Area Live, promosso dall’assessorato alla cultura e al turismo del Comune di Napoli.
L’indimenticabile numero dieci argentino, recentemente scomparso, sarà ricordato attraverso cento immagini di Sergio Siano, tutte scattate durante la permanenza a Napoli .
Dal primo passo sull’erba dello stadio San Paolo alla vittoria dei due scudetti e delle coppe, dai formidabili palleggi agli abbracci a fondo campo, ai festeggiamenti dei tifosi per le vittorie, ai vicoli addobbati a festa. Rivivremo un settennio entrato nel cuore tanto del pibe de oro quanto dei napoletani, che potrà essere ammirato in tutta sicurezza sul Lungomare, mantenendo distanziamento e indossando la mascherina.
L’installazione voluta da Mario Spada segue il progetto «Proiezioni da Casa Spada» proposto dal fotografo durante il primo lockdown:  dal balcone di casa sua, dal 12 marzo al 17 luglio, il fotografo napoletano ha proiettato sulle mura interne di Porta San Gennaro 65 progetti fotografici di altrettanti autori da tutto il mondo.
Innumerevoli sono stati poi i cittadini che hanno fatto lo stesso, emulando il progetto del fotografo napoletano,  in molti quartieri della città. Il progetto è riuscito grazie alla collaborazione di Tony Gentile, Giuseppe Riccardi e Sara Scolamacchia.
Per Maradona sarà utilizzata la stessa formula ma la proiezione delle immagini avverrà  direttamente sulle pareti del Castello. Qui il mito di Maradona si intreccerà a quello di Partenope regalandoci una cartolina suggestiva incastonata nel mare del golfo più bello del mondo.



.

RISPONDI