Si è appena concluso il primo weekend di ottobre all’insegna della cultura. Questi appena trascorsi sono stati tre giorni di incontri con molti big, diversi autori, editori, e anche laboratori, presentazioni, case editrici, associazioni, e soprattutto grande partecipazione del pubblico (foto).
Rachele Furfaro, presidente della fondazione Foqus, ha accolto con entusiasmo la programmazione di Ricomincio dai libri. Una fiera che quest’anno è approdata alla sua VI edizione, con la direzione artistica dello scrittore Lorenzo Marone, e la presidente del progetto, Deborah Divertito.
Tema della fiera: la Cura. Il prendersi cura che diventa forma di rinascita in un contesto volto alla disgregazione umana e sociale. Proprio per questo motivo, si è pensato di portare la fiera del libro ai Quartieri Spagnoli, perché i libri ricoprono un ruolo intenso, in un labirinto che desidera una via d’uscita.
Tanti i protagonisti che hanno ravvivato e vivificato la kermesse dal 4 al 6 ottobre. Tra questi, Antonella Cilento, Federico Pace, Giulio Cavalli finalista del Premio Campiello 2019, Maurizio de Giovanni, Ernesto Galli Della Loggia, Geronimo Stilton, Fabio Geda, Ilaria Gaspari, Cristina Cattaneo, Marco Rizzo, Nello Trocchia, Vauro Senesi, Viola Ardone, Valentina Farinaccio, Pino Imperatore con l’omaggio al grande Luciano De Crescenzo.
Commenta Deborah Divertito, presidente della kermesse: «Per molti sembrava impossibile, da pazzi. Ed invece il successo di questi tre giorni ha dimostrato che se si portano eventi di qualità, è possibile portare una fiera del libro come quella di Ricomincio dai Libri anche ai Quartieri Spagnoli.  Ricomincio dai libri è l’esempio che quando metti il cuore in quello che fai, riesci a regalare un sorriso alle persone. Ringrazio i cittadini dei Quartieri Spagnoli che hanno dimostrato di essere all’altezza di accogliere una manifestazione del genere».cortile

Soddisfatto anche il direttore artistico Lorenzo Marone  per questi tre giorni nei quali si è respirata una gran bella atmosfera, fatta di storie,  incontri, dibattiti, confronti. Molti i temi sociali affrontati in questa sesta edizione della fiera del libro di Napoli: non solo ambiente, ma anche immigrazione, diritti umani, politica, mafia, scuola.
Tra gli ospiti d’onore, il ministro dell’ambiente Sergio Costa. «La lettura è fondamentale e posso dire che nel mio campo, quello dell’ambiente, lo è ancora di più perché ti apre la mente. La lettura ti consente di entrare in pagine scritte da coloro che hanno già vissuto. L’informazione che avviene anche attraverso la lettura è un elemento fondamentale se si vuole davvero tutelare l’ambiente». 
©Riproduzione riservata