Qui sopra, Piazza del Plebiscito blindata dalle forze dell’orine. In alto, Palazzo Reale

Napoli in vetrina per il G 20 sull’ambiente a Palazzo Reale. Traffico in tilt, automobilisti schiacciati tra i vicoli dei quartieri spagnoli, non si vede via d’uscita per le transenne e le forze dell’ordine che presidiano la zona di Piazza del Plebiscito. Proprio davanti all’antica residenza borbonica lo storico Caffè Gambinus ha dovuto rinunciare ai suoi tavolini esterni, imbrigliato in una griglia di ferro per la sicurezza dei partecipanti al summit.
La città annaspa nel caos: la chiusura della galleria Vittoria, già un problema nella quotidianità, trasforma le strade in una trappola durante l’eccezione di un meeting internazionale.
Mentre la viceministra ai trasporti Bellanova, che nelle acrobazie delle sue competenze disinvoltamente è passata a questa delega dopo essere stata responsabile dell’Agricolture, avverte dalle colonne del giornale “Il Mattino” che se ci saranno ancora ritardi sulla riapertura del tunnel in questione il governo dovrà intervenire. E bacchetta l’amministrazione cittadina, sottolineandone la dedizione alla propaganda più che alla concretezza.
Polemiche. In cui c’è spazio per un’immagine surreale di Partenope pulita. Persino nella zona di Piazza Mercato, a ridosso del monumentale e magnifico complesso di Sant’Eligio (abbandonato dal Comune che ne è proprietario) dove transitano spesso materassi e altri rifiuti per intere settimane, i cassonetti sono vuoti.
Nel frattempo, dall’ufficio stampa di Palazzo Reale fanno sapere che è stato nominato un comitato scientifico di esperti: affiancheranno il neodirettore Mario Epifani nell’autonomia speciale del Museo.

Via Toledo pulitissima. In basso, finalmente i cassonetti vuoti lungo ilo complesso monumentale di Sant’Eligio a Piazza Mercato


Eccoli: l’architetto Leonardo Di Mauro, trapiantato a Napoli dagli anni Settanta, Giuseppe Porzio, docente di storia dell’arte moderna all’Università L’Orientale», Bianca de Divitiis, professore associato in Storia dell’Arte moderna alla Federico II e Donatella Dentice di Accadia specializzata nell’organizzazione di eventi.
Nell’immediato futuro, dopo il summit, Palazzo Reale sarà restituito alle napoletane, ai napoletani e alle piccole frotte turistiche di nuovo presenti che vorranno godersi la bellezza del giardino romantico da poco riaperto tra momenti di spettacolo, raccolti nella cornice del Summer Fest.
Già da sabato 24 ci sarà il concerto dei Goldstone a cui seguirà  “Ho portato lo stand-up comedy in Italia” di Alessandro Gori; domenica 25, invece, andrà in scena Aurora Leone con  “Quotidiana Mente una famiglia a pretesto”.


Pezzo forte del festival sarà da martedì 27 al 30 luglio, 4 e 5 agosto (le date sono già tutte sold out)  lo show di Alessandro Siani “Libertà live tour “celebrazione 25” che festeggia i suoi 25 anni di carriera.
Tutti episodi di contorno a una campagna elettorale poco convincente per la successione al sindaco de Magistris: ciascuno/a insegue il suo ego mostrando poca propensione per le vere e tante difficoltà della città, limitandosi a esprimere massime generiche su occupazione, rilancio e progetto civico. Ma il buonsenso sembra già essere andato in vacanza da un pezzo, malgrado il Covid. Facendo uno sberleffo al green pass.



In tanto

RISPONDI